E il divieto di finanziamenti esteri alle moschee? Sveglia!

Ohibò, avevamo ragione! Milioni dal Qatar per foraggiare gli islamisti, anche a Lugano

Con un discreto ritardo – il Mattino ne ha scritto già la scorsa domenica, ed il Mattinonline ancora prima –  mercoledì anche il Corriere del Ticino si è accorto del libro francese Qatar Papers, di recente pubblicazione.

I due autori del volume hanno indagato le attività di un’ ONG controllata dal governo dell’emirato del Qatar.  Questa ONG avrebbe stanziato cifre enormi – si parla di oltre 71 milioni di euro – per finanziare una fitta di rete di moschee in tutta Europa. Moschee vicino all’organizzazione fondamentalista dei Fratelli musulmani.

Di questi 71 milioni, quasi quattro sarebbero giunti in Svizzera ed 1.7 a Lugano. Dove di preciso? Mistero!

Non sono gli unici

Con soldi in arrivo dall’estero, dunque, viene finanziata la diffusione in Svizzera dell’islam radicale, incompatibile con il nostro modello di società. La volontà dei “foraggiatori” è evidente: islamizzare la Svizzera ed impedire l’integrazione dei musulmani che ci vivono.

E sicuramente il Qatar non è l’unico Stato islamista a prodursi in simili iniziative. Sappiamo ad esempio che la Turchia fa la stessa cosa, ed in Svizzera apre pure delle scuole telecomandate direttamente dal governo di Ankara. Tanto per fare il lavaggio del cervello fin da bambini ai migranti turchi che vivono dalle nostre parti. E naturalmente gli svizzerotti rilasciano le autorizzazioni senza cipire: “non si può (sa po’ mia!) dire di no!”.

Intenzioni perniciose

Il libro Qatar Papersconferma, semmai ce ne fosse bisogno, che tante moschee e centri culturali presenti nella nostra realtà – non solo nazionale, ma anche ticinese e luganese – non sono finanziati dalle offerte dei fedeli. I fondi arrivano da molto lontano e con intenzioni tanto precise quanto perniciose. Di conseguenza, questi finanziamenti esteri vanno proibiti. Ma naturalmente il Consiglio federale e la partitocrazia, imbesuiti dal politikamente korretto, rifiutano di intervenire. Anche se sollecitati.

Lucidità di breve durata

Nel settembre 2017, in un raro sprazzo di lucidità, la risicata maggioranza del Consiglio nazionale accolse una mozione di chi scrive che chiedeva di vietare i finanziamenti esteri a moschee e centri culturali islamici. L’atto parlamentare chiedeva anche che le prediche nelle moschee si tenessero nella lingua locale, e questo per due motivi: 1) i contenuti devono essere trasparenti e 2) gli imam la lingua del posto la devono imparare.

Naturalmente l’approvazione della mozione  avvenne con la stizzita protesta della ministra del “devono entrare tutti”, kompagna Simonetta Sommaruga, ai tempi a capo del Dipartimento federale di giustizia.

Come troppo spesso accade, la lucidità bernese ha avuto vita breve. Ci hanno pensato gli esponenti del triciclo multikulti ed islamofilo PLR-PPD-P$$ al Consiglio degli Stati ad affossare l’atto parlamentare.

La punta dell’iceberg

Adesso il problema dei finanziamenti esteri di moschee e centri culturali islamici comincia ad emergere in tutta la sua enormità, pronto a deflagrare. Come detto, il Qatar non è certo l’unico “attore” presente su questo mercato. Di Stati ed organizzazioni vicini all’islam radicale, e con molti soldi da mettere a disposizione, ce ne sono a iosa.

La nuova ministra di Giustizia, la PLR Karin Keller Sutter (KKS) deve cambiare urgentemente rotta. Se le autorità davanti all’avanzata islamista continuano a rimanere alla finestra blaterando che “non si può discriminare”, fanno il gioco degli islamisti. E questo ci porterà allo sfascio. Intanto le previsioni “catastrofiste” si stanno avverando tutte.

Per cui, smettiamola di non vedere e di non sentire; smettiamola di nasconderci dietro la foglia di fico del “programma federale contro la radicalizzazione”, una sconcertante ciofeca prodotta da burocrati federali ro$$i ed islamofili. Cominciamo a saltare il fosso e a prendere qualche misura concreta. Prima fra tutte, il divieto dei finanziamenti esteri alle moschee, che peraltro già esiste in Austria.

O dobbiamo pensare che non c’è alcuna differenza tra la liblab KKS e la kompagna Sommaruga, tra PLR e P$$? Perché per ora (?) è difficile, vedi impossibile, giungere  ad una conclusione diversa!

Lorenzo Quadri