La SECO continua a prenderci per i fondelli: chiudiamola!

Nuovo documento farlocco per farci il lavaggio del cervello pro-libera circolazione

I tamberla della SECO, quelli delle statistiche taroccate a scopo di lavaggio del cervello pro-libera circolazione, ci regalano l’ennesima perla! Ossia, il nuovo bilancio sulla libera circolazione, presentato pubblicamente nei giorni scorsi. E cosa dice questo ulteriore documento propagandistico? Esatto, dice che l’è tüt a posct! La libera circolazione è una figata pazzesca! Effetti negativi? Nemmeno l’ombra!

Anzi, i burocrati della SECO pretendono addirittura di raccontarci che i flussi migratori dalla fallita UE sarebbero diminuiti del 10% (uella!) nel 2017 rispetto all’anno precedente! A parte che l’andamento di questi flussi è ciclico, punto primo il saldo migratorio rimane comunque un multiplo di quello promesso dal Consiglio federale prima della votazione sui bilaterali, e punto secondo, visto che la barca è piena, una diminuzione è tutt’altro che sorprendente!

Roland, ma va a ciapà i ratt!

Come se non bastasse, assieme ai soldatini della SECO a pontificare in conferenza stampa a favore della devastante libera circolazione c’era anche tale Roland Müller, direttore dell’Unione svizzera degli imprenditori. Secondo costui “non c’è alcuna sostituzione della manodopera indigena, nemmeno in Romandia ed in Ticino”. Certo, come no! O Roland, ma ci sei o ci fai? Il Ticino l’hai visto solo in cartolina? E poi il triciclo spalancatore di frontiere ha ancora il coraggio di propinare simili bestialità per informazioni oggettive? Ma andate a Baggio a suonare l’organo!

Ciurlano nel manico

L’ennesimo florilegio di boiate pro-frontiere spalancate dei burocrati della SECO si spiega facilmente. La libera circolazione, voluta dalla casta, ciurla nel manico. E a qualcuno (malgrado il caldo) comincia a diventar fredda la camicia. La macchina per il lavaggio del cervello è dunque  già in azione. Il fatto che l’iniziativa popolare per la disdetta della libera circolazione delle persone sia riuscita in tempo di record – 125 mila firme raccolte in sei mesi, quando c’era a disposizione un anno e mezzo per raccoglierne 100mila – è un segnale chiaro: sempre più svizzeri ne hanno piene le scuffie. E più passa il tempo, più il numero di questi svizzeri aumenta. Quindi, i camerieri di Bruxelles in Consiglio federale mobilitano i loro soldatini. A partire dalla SECO. Quest’ultima, inquadrata nel dipartimento del buon Johann “Leider” Ammann – grazie PLR! – ci costa 100 milioni di Fr all’anno (!) per produrre statistiche farlocche e per prendere decisioni demenziali: sempre contro gli interessi dei cittadini elvetici e sempre all’insegna delle braghe calate davanti agli eurobalivi. Ricordiamo che la SECO ha avuto la geniale idea di decidere (?), senza che nessuno avesse chiesto alcunché, di estendere la disoccupazione parziale (il “guadagno intermedio”) ai frontalieri. Perché? Così!

E corre addirittura voce che sempre la SECO sia favorevole all’accettazione del nuovo demenziale Diktat UE: quello che pretenderebbe di far pagare agli svizzerotti fessi la disoccupazione dei frontalieri (i quali già stanno esultando).

La domanda è sempre la stessa: perché mai dovremmo continuare a pagare 100 milioni all’anno per foraggiare dei burocrati che ci giocano contro e fanno solo danni? Ma chiudiamo la SECO che è ora!

Lorenzo Quadri