Naturalizzare tutti per non creare “tensioni inutili”

La partitocrazia regala passaporti rossi. E con motivazioni sempre più bislacche

Non abbiamo intenzione di tollerare né le naturalizzazioni “per quieto vivere” di stranieri non integrati, e nemmeno la continua denigrazione di chi giustamente pretende rigore nel concedere l’attinenza comunale!

Cari $ignori del triciclo PLRPPD- P$ (soprattutto questi ultimi): il passaporto elvetico è prezioso, anche se alcuni di voi lo considerano carta straccia

In quel di Locarno tornano a tenere banco le naturalizzazioni “dubbie”. Nella sua ultima seduta il Consiglio comunale ha dibattuto su tre candidature. Secondo quanto riportato sui giornali, i contrari alle tre naturalizzazioni hanno sottolineato che i candidati discussi, pur vivendo da vario tempo da noi, parlerebbero male l’italiano e non avrebbero “familiarizzato con il modo di vivere, gli usi ed i costumi svizzeri”. Da notare che il relatore del rapporto contrario alla concessione dell’attinenza comunale è un esponente del PLR e non un leghista populista e razzista. Alla fine, però, l’hanno spuntata i favorevoli. E così, grazie alla partitocrazia, sono state concesse tre nuove naturalizzazioni facili.

Alcune considerazioni

Chi scrive evidentemente non conosce il dossier né le persone coinvolte, quindi non è in grado di esprimersi sull’effettiva integrazione dei candidati. Tuttavia alcune considerazioni di carattere generale sulle naturalizzazioni facili sono possibili e doverose.

1) Il conferimento della cittadinanza elvetica è un atto irreversibile. Il passaporto rosso, una volta concesso, non può più essere ritirato. A meno che il neosvizzero si renda colpevole di terrorismo. Essendo la Svizzera diventata, grazie alle frontiere spalancate ed al fallimentare multikulti, il paese del Bengodi per estremisti islamici, i casi di terroristi naturalizzati sono destinati a moltiplicarsi. Ma anche in quel caso, arriverà qualche giudice straniero della Corte europea dei diritti dell’uomo a blaterare che espellere questi terroristi “sa po’ mia” perché sarebbero in pericolo nel paese d’origine. Ergo, la naturalizzazione è un atto irreversibile (e lo rimane anche ai tempi dell’Isis). Di conseguenza, se sussistono dubbi non va concessa.

2) La naturalizzazione non è il punto di partenza del percorso d’integrazione, bensì il punto d’arrivo. La concessione della cittadinanza elvetica è il riconoscimento dell’avvenuta integrazione, non un incentivo per continuare ad integrarsi (e poi, una volta che il neo-svizzero ha portato a casa il passaporto rosso… passata la festa, gabbato lo santo).

3) Durante il dibattito in Consiglio comunale (partendo dal presupposto che quanto riportato sui giornali sia fedefacente), da parte dei favorevoli alla naturalizzazione facile dei candidati di “dubbia integrazione” si è sentito un campionario di “perle”.

Del tipo: a) “Si parla di atti amministrativi e non politici o intrepretativi”; “Ci sono interpretazioni influenzate da pregiudizi”. E no, la naturalizzazione non è un atto amministrativo. E’ un atto politico. Quindi comporta una scelta politica. Creare un nuovo cittadino elvetico non è come compilare un formulario delle imposte. Oltremodo squallido il tentativo, da parte della gauche-caviar, di squalificare i dubbi sull’effettiva integrazione di un candidato come dei “ pregiudizi”. Ennesima dimostrazione e dell’intolleranza della $inistra nei confronti di chi osa pensarla diversamente.

b) “ Al posto di affrontare il concetto di integrazione bisogna promuovere il rispetto reciproco”. Non si vede perché una cosa dovrebbe escludere l’altra. Ma è degno di nota il tentativo di smontare il requisito dell’integrazione, in nome della consueta massima $inistrata: “devono entrare tutti, devono restare tutti e tutti devono diventare svizzeri”: e quindi, non si parli più di integrazione! Visto che tale concetto “si presta ad interpretazioni” lo aboliamo direttamente e diamo il passaporto a rosso a tutti! Bella prospettiva, complimenti. Bella per quelle forze politiche che svendono la Svizzera ogni giorno e quindi, per far passare le loro posizioni antisvizzere e per ottenere sostegno elettorale, hanno bisogno di naturalizzati che non si sentano svizzeri, che non si riconoscano nelle peculiarità svizzere e che votino ed eleggano di conseguenza.

c) “ Polemiche che creano tensioni inutili e controproducenti”. Ah ecco. Adesso sollevare dei legittimi dubbi sull’integrazione degli aspiranti al passaporto elvetico significa “creare tensioni inutili e controproducenti”.

Sicché, “per non creare tensioni”, facciamo diventare svizzero chiunque lo richieda! d) Per finire, la chicca: “ bisogna esplorare nuove forme di partecipazione, coinvolgere maggiormente gli stranieri che vivono qui (…)”. In altre parole: bisogna fare in modo che tra uno svizzero ed un migrante non ci sia più alcuna differenza. Il passaporto rosso deve diventare carta straccia. E a questo punto, già che ci siamo, introduciamo il voto agli stranieri.

Preoccupante

Il fatto che la maggioranza del legislativo locarnese, approvando le tre naturalizzazioni contestate, abbia deciso di dar retta alle posizioni sopra indicate è preoccupante.

Dimostra come le naturalizzazioni facili siano una realtà, ovviamente non solo in riva al Verbano. Testimonia del tentativo di denigrare e di ricattare moralmente chi chiede rigore nella concessione della cittadinanza svizzera. E lo chiede perché – piaccia o non piaccia ai sinistrati spalancatori di frontiere e multikulti – il passaporto svizzero è prezioso.

Andazzo generalizzato

Questo andazzo evidentemente non si manifesta solo a Locarno. Basti pensare che il padre basilese musulmano che vietava alle figlie la partecipazione alle lezioni di nuoto aveva una domanda di naturalizzazione in corso. E come la mettiamo con quei candidati e quelle candidate al passaporto rosso che durante l’esame rifiutano di dare la mano alle persone del sesso opposto? Li facciamo diventare tutti svizzeri perché in fondo riconoscersi nel nostro modo di vivere, nei nostri usi e costumi è un fatto secondario, e poi, suvvìa, mica vorremo “creare delle tensioni inutili” con l’assurda e razzista pretesa che un neo-cittadino elvetico si senta anche svizzero!

La pazienza è finita

E’ sempre più evidente che in campo di naturalizzazione urge un giro di vite. Le naturalizzazioni facili di persone non integrate “per quieto vivere”, “per non discriminare” e per altre analoghe “cagate pazzesche” (cit. Fantozzi) non siamo disposti a tollerarle.

LORENZO QUADRI