SECO: “La libera circolazione? Non è poi così importante”

Dopo anni di propaganda pro-frontiere spalancate, la verità comincia a venire a galla?

 

Scusate ma ci scappa da ridere!

Sembra che i burocrati della SECO, Segreteria di Stato dell’economia,  abbiano cambiato idea sulla devastante libera circolazione delle persone. Da un documento riservato (?) anticipato dal Blick emerge infatti che adesso la SECO considera il famigerato accordo bilaterale “non più così importante per il paese”. Accipicchia! Pare davvero di stare in una commedia dell’assurdo.

Proprio i soldatini della SECO, che per anni ed anni hanno fatto il lavaggio del cervello agli svizzerotti con la fregnaccia della “libera circolazione indispensabile senza la quale arriva l’Apocalisse”; proprio i soldatini della SECO, che a getto continuo propinano statistiche taroccate sulla disoccupazione illudendosi di convincere in questo modo il popolazzo che l’invasione di frontalieri non genera né sostituzione dei lavoratori residenti, né dumping salariale (“sono solo percezioni”); proprio loro, adesso fanno il salto della quaglia!

Contrordine compagni

Fino a ieri, a chi osava mettere in dubbio il sacro dogma delle frontiere spalancate, la SECO replicava con il mantra della “libera circolazione indispensabile”. Ora arriva, improvviso, il contrordine compagni.

Cos’è successo? Ma è chiaro: prima a capo del dipartimento federale dell’economia c’era il liblab Johann “Leider” Ammann. Visto che il PLR vuole le frontiere spalancate e vuole lo sconcio accordo quadro istituzionale, ecco che la SECO dovevafare propaganda di regime alla posizione del PLR (il partito che si fa schiacciare gli ordini dai manager stranieri delle multinazionali rappresentati da Economiesuisse). Adesso che a capo del Dipartimento federale dell’economia c’è l’UDC Guy Parmelin, si può anche raccontarla giusta – o comunque: più giusta – sulla reale importanza della libera circolazione.

Non è ineluttabile

Su queste colonne lo ripetiamo da anni: la libera circolazione delle persone non è affatto una necessità ineluttabile. E’ solo una paturnia ideologica che la casta impone a suon di lavaggio del cervello, terrorismo e fake news. Una paturnia della $inistra multikulti, che però fa anche l’interesse monetario della grande economia. Ecco dunque i kompagni andare a manina con gli odiati “padroni”, in una “santa alleanza” che puzza di bruciato a chilometri di distanza!

Stop fregnacce

Sta di fatto che si possono benissimo concludere accordi commerciali internazionali senza alcun bisogno di ficcarci dentro la libera circolazione delle persone. Del resto i più recenti trattati (con il Canada, con paesi dell’estremo oriente) mica la prevedono.

E’ ora di piantarla di considerare la libera circolazione come una vacca sacra, perché non lo è.  La libera circolazione è un errore della storia. Come tale, può e deve essere disdetta. Certo con qualche conseguenza. Ma il prezzo del suo mantenimento ed addirittura estensione (vedi la direttiva UE sulla cittadinanza, conseguenza dello sconcio accordo quadro istituzionale) sarebbe infinitamente più alto. E la storiella che con la libera circolazione delle persone verrebbero a cadere tutti gli accordi bilaterali è tutta da dimostrare. L’applicazione della clausola ghigliottina, che comunque riguarda solo i 7 accordi del pacchetto dei Bilaterali 1, è una questione di volontà politica. Altro che automatismi.

I bilaterali non sono un’elemosina dei balivi di Bruxelles alla Svizzera. L’UE di regali non ce ne ha mai fatti! Che l’UE, specie quella uscita dall’avanzata sovranista, vorrà buttare all’aria accordi commerciali da cui ci guadagna nel caso in cui la libera circolazione delle persone con la Svizzera dovesse venire limitata o abolita, è ancora tutto da dimostrare.

Non tutti rinsaviscono

Purtroppo, se la SECO dà segni di rinsavimento (vediamo quanto dura…), altri non ci pensano proprio. Nel Dipartimento federale di giustizia diretto dalla liblab Karin Keller Sutter (KKS) la propaganda di regime pro-UE prosegue al massimo dei giri. Ed infatti, in totale contraddizione con la “nuova” linea della SECO, la buona KKS, prendendo posizione sull’iniziativa popolare “Per un’immigrazione moderata”, ovvero l’iniziativa che chiede la fine della libera circolazione delle persone, si lancia nelle consuete fregnacce retoriche sull’ “immigrazione uguale ricchezza”. Boiate che non si possono proprio sentire! Ad esempio questa: “il nostro benessere è dovuto in larga parte alla libera circolazione delle persone che consente alle imprese di assoldare forza lavoro estera in maniera poco burocratica”.

O KKS, ma ci sei o ci fai? Secondo la ministra PLR, dunque, il benessere (?) del Ticino sarebbe dovuto al fatto che le aziende sono libere di assumere frontalieri a basso costo e di lasciare a casa  ticinesi, senza che nessuno possa emettere un cip! Ma è il colmo! Eccoli qua, i grandi statisti dell’ex partitone!

Sì alla Swissexit!

Se poi, come dichiara con intenti terroristici la KKS, un Sì all’iniziativa “Per un’immigrazione moderata” equivarrebbe ad una Brexit svizzera: questo è solo un argomento a sostegno dell’iniziativa.

Perché è ora di scegliere: per la Svizzera vogliamo un futuro di libertà e di indipendenza, o uno di sempre più opprimente ed umiliante sudditanza dai balivi di Bruxelles?

Lorenzo Quadri