Vogliono appiopparci ancora più asilanti!

Mario Gattiker e la kompagna Sommaruga bussano alle porte dei Cantoni

Dal Ticino non deve giungere alcuna disponibilità! Basta con l’abuso del diritto d’asilo, che non serve a permettere l’arrivo in massa di immigrati economici. Ripristinare subito la legalità!

Ma guarda un po’! Negli ultimi tempi, il numero delle domande d’asilo è “stranamente” triplicato. Sicché l’ineffabile Marco Gattiker, Segretario di Stato (uella) per la migrazione, bussa alle porte dei Cantoni; ovviamente su indicazione della sua capa, la kompagna Simonetta “dobbiamo aiutare l’Italia” Sommaruga!

Secondo il Mario, i Cantoni dovrebbero dare la disponibilità ad accogliere più clandestini. Naturalmente l’invito si trasformerà ben presto nel solito Diktat. Magari con l’imposizione di accettare nuovi centri  della Confederazione (come quello di Losone).

La risposta al Mario e alla Simonetta può essere una sola: col piffero che si dà la disponibilità ad accogliere più clandestini!

Politiche fallimentari

L’esplosione delle domande d’asilo è dovuta alla politica fallimentare dell’UE che, “more solito”, se ne impipa dei confini esterni. Lascia fare alla vicina ed ex amica Penisola la quale, con le sue fallimentari missioni militari-umanitarie (?) – prima Mare nostrum, adesso Triton – va a raccogliere i clandestini in mare. Non ancora contenta, la “ministra degli esteri” UE, tale Federica Mogherini (velina del premier non eletto Renzi) dichiara pubblicamente che nessun clandestino verrà rimandato indietro contro la sua volontà. Queste sortite sono deleterie. E si sentono da parte di molti esponenti della $inistra italiana al potere. Tant’è che il Washington Post ha dichiarato, papale papale, che l’Italia è diventata “il ventre molle dell’immigrazione in Europa”. Naturalmente la vicina Penisola non registra i clandestini che si è portata in casa: tenta di scaricarli su altri paesi, in violazione degli accordi di Dublino.

Terroristi islamici

La stragrande maggioranza dei sedicenti rifugiati non viene affatto da paesi in guerra. A loro si mescolano, oltretutto, i miliziani dell’Isis, che, abusando del diritto d’asilo, raggiungono l’Europa con meno controlli. Ovviamente per insediare nuove cellule terroristiche; o per aggiungersi a quelle esistenti, per le quali possiamo ringraziare i fautori delle frontiere spalancate e della multikulturalità completamente fallita.

Che i terroristi islamici si nascondono tra i rifugiati lo ha peraltro confermato il premier tunisino davanti al parlamento europeo.

Stop all’illegalità

La situazione attuale è improntata alla totale illegalità. Il diritto d’asilo non serve a permettere l’immigrazione incontrollata di rifugiati economici. Questa non solo devasta l’Europa, ma dissangua i paesi di provenienza dei migranti. Il diritto d’asilo è stato creato per sostenere la popolazione coinvolta in conflitti.  Il suo scopo non è l’immigrazione di massa a scopo economico.

Questo snaturamento del diritto d’asilo, operato dai politikamente korretti, ha provocato l’invasione dell’Europa. Di conseguenza deve cessare subito. La legalità – quel concetto con cui proprio gli spalancatori di frontiere e moralisti a senso unico amano riempirsi la bocca, ma solo quando fa comodo – va ripristinata.

Il Ticino ha già dato

I Cantoni non devono dare a Mario Gattiker e alla kompagna Sommaruga alcuna disponibilità ad accettare ancora più rifugiati. Farlo significherebbe rendersi complici dell’illegalità. In particolare, nessuna disponibilità deve venire dal Ticino, che in campo di sedicenti rifugiati ha già dato fin troppo.

La vicina ed ex amica Penisola, quella che nei nostri confronti è inadempiente su tutto, però pretende di ricattarci sul 9 febbraio, si riprenda i clandestini che si è messa in casa. Tutti. Altro che “dobbiamo aiutare l’Italia”! La Svizzera sospenda gli accordi di Schengen. E l’UE chiuda finalmente le porte del Mediterraneo.

Lorenzo Quadri

Speak Your Mind

*