Secondo quanto scritto sul Mattino della domenica del 3 luglio us dal deputato in GC Massimiliano Robbiani, lo scorso martedì 26 giugno in zona di Coldrerio una guardia di confine, durante un controllo di routine su un’auto occupata da tre richiedenti l’asilo di colore, sarebbe stata aggredita da uno degli occupanti della vettura.

La gravità dell’episodio si commenta da sé e non necessita di ulteriori considerazioni.

 

Chiedo al lod. Consiglio di Stato:

 

         corrisponde al vero che una guardia di confine è stata aggredita secondo le modalità di cui sopra?

         Quali danni alla salute ha riportato l’aggredito?

         L’aggressore è un richiedente l’asilo? Se no, con quale tipo di permesso risiede in Svizzera? E gli altri due occupanti dell’auto?

         L’aggressore ed i suoi accompagnatori sono persone note alla giustizia? Se sì, per quali reati?

         L’auto era detenuta regolarmente?

         Sono stati aperti procedimenti penali nei confronti dell’aggressore?

         Quali conseguenze avrà la vicenda sulla permanenza dell’aggressore nel nostro Paese?

 

Con la massima stima

Lorenzo Quadri